Educazione parentale, di cosa si tratta?

 

L'educazione parentale (homeschooling, unschooling o istruzione domiciliare) è un tipo di istruzione svolta in un contesto domiciliare, cioè al di fuori delle istituzioni pubbliche e private, quali in primis, le scuole.

Si tratta di un fenomeno che è sempre esistito, essendo stato in passato l'unica forma di istruzione intellettuale.

L'istruzione domiciliare che normalmente ha una struttura e un'organizzazione completamente differente rispetto alle regole della cosiddetta "scuola dell'obbligo". Per approfondimenti: https://www.edupar.org/

 

Esiste un'unica forma di educazione parentale?

 

Le forme di educazione parentale sono molte e strutturate in diversi modi, possiamo riassumerle in base all'adozione o alla lontananza dal curriculum scolastico.

 

Istruzione libera o non formale

Si basa sul principio che ogni bambina e bambino possiede la capacità intrinseca di apprendere, e si ritiene che per raggiungere l'integrazione nella società sia molto più naturale vivere in essa piuttosto che isolati nelle aule scolastiche.

 

Curriculum educativo domestico

Si basa sul principio del riconoscimento dei curriculum esistenti nelle scuole  come i più adeguati ad essere insegnati alle bambine e ai bambini. I genitori gestiscono tutto il processo di apprendimento sotto il controllo dell'"ombrello" istituzionale.

 

E' possibile praticare l'educazione parentale in Italia?

 

Si, è possibile. In Italia la Costituzione stabilisce che "È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli [...] Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti." (Articolo 30).

 

Inoltre, L'Articolo 33 della Costituzione italiana cita:

  • "L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento".

  • "[...] Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato."